Architetture di Autocoscienza

Come possiamo immaginare i luoghi in cui vorremmo attivare processi di trasformazione nel presente?

Durante gli anni ’70 in Italia diversi gruppi femministi iniziarono a sperimentare con le pratiche di autocoscienza. Si trattava di creare spazi di liberazione dentro e fuori di sé tramite diverse forme di dialogo. I luoghi in cui queste pratiche avvenivano influenzavano le esperienze di queste donne* e, allo stesso tempo, essi stessi venivano alterati da ciò che vi accadeva. Con queste premesse, la scelta dei film è una proposta di esercizi poetici sulle condizioni fisiche, oniriche e mitologiche degli spazi condivisi e delle loro potenzialità. In Follia come Poesia, girato dalle Nemesiache all’ interno dell’ ospedale psichiatrico Frullone di Napoli, momenti di autocoscienza si manifestano in un’esperienza di condivisione e liberazione dalle norme sociali tra le pazienti e il collettivo, attraverso musica e danza. In Il piacere del testo di Adriana Monti, sono i gesti, i movimenti delle mani delle donne del gruppo Sessualità e Scrittura, più che le loro parole, a creare comunanza. Il rapporto intimo, di reciproca osservazione e ascolto, é spazio di condivisione autentica nella serie di ritratti in Super 8 del collettivo di cinema femminista di Roma.  In un’esperienza di esplorazione del proprio corpo tramite la cinepresa, Marinella Pirelli, in Narciso, Film Esperienza, si interroga sulla propria identità di donna, madre e artista in un momento di solitudine domestica. L’ ultimo film proposto, Medusa and the Abyss di Felicity Palma, si situa nella Sicilia contemporanea e apre l’immaginazione a nuovi spazi di incontro, in cui storia e mito si animano e dialogano con il presente.

৺ ෴ ර ∇ ❃ ﹌﹌  è un gruppo di lavoro che esiste tra Palermo, Napoli e Berlino che si è riunito con la necessità di discutere, curare e produrre a partire dall’intersezione tra femminismo - sia nella sua matrice storica che nelle sue forme contemporanee - e la questione meridionale. L’approccio metodologico si basa sull’utilizzo della forma dialogica, dell’auto-educazione, della rievocazione di rituali e miti come pratiche di indagine collettiva. La rassegna NuovaOrfeo è un’occasione per il gruppo per animare e condividere alcuni aspetti della propria ricerca.

Indietro

Program

September

Sept. 6, 2021

Nuova Orfeo and Meno present Orfeo on the Beach

July – September 2021


Arena La Sirenetta, Via Azalea, Mondello

Palermo, Sicily

In collaboration with Sicilia Queer, Institut français, and Nomadica, Nuova Orfeo and MeNO present Orfeo on the Beach, a season of radical, feminist, cult film, experimental cinema and artist's moving image at the historic open air cinema La Sirenetta.

The programme features cult feminist classics such as Barbara Loden's Wanda and Atlantiques by Mati Diop, which won the 2019 Jury Prize at Cannes and was the first ever film by a black female director to enter the competition. We also present an evening with the artist Pauline Curnier Jardin, the Italian premiere of Gibson's Dear Barbara, Bette, Nina and a curatorial collaboration with the collectives Nomadica and ৺ ෴ ර ∇ ❃﹌﹌ on film, feminism and the Italian South.

Programmed by Beatrice Gibson. Co-ordinated by Stella Sideli.

MeNO - Memore e Nuove Opere - founded in Palermo as a spin-off of Manifesta 12 promotes the connection between tangible and intangible heritage and new forms of contemporary artistic production. MeNO designs and realizes international art projects involving a wide community of artists and intellectuals and explores the transformation of the relationship between citizens, space and time.

Orfeo on the Beach is supported by Società italo-belga, Institut français Palermo, and Sinergie Group


Project Partners:

Nomadica

Sicilia Queer

Nuova Orfeo Supporters.png

Sept. 7, 2021

Wanda (1970)
Dir. Barbara Loden

+ Dear Barbara, Bette, Nina (2020)
Dir. Beatrice Gibson

** Prima visione **

Sept. 13, 2021

৺ ෴ ර ∇ ❃﹌﹌ e Nomadica: Architetture di Autocoscienza


Programma della serata:

- Follia come Poesia (Dir. Le Nemesiache, 1977)
- Il piacere del testo (Dir. Adriana Monti, 1977)
- Serie di brevi ritratti in Super 8 delle collaboratrici al collettivo di cinema femminista di Roma: Maitreya, Rony, Paola, Anna’s Textures (Dir. Annabella Miscuglio del Collettivo di cinema Femminista di Roma, 1973-1976)
- Narciso, film esperienza (Dir. Marinella Pirelli, 1966-67)
- Medusa and the Abyss (Dir. Felicity Palma, 2019)

Maggiori informazioni

Sept. 21, 2021

Queen of Diamonds (Dir. Nina Menkes, 1991)

+ Deep Sleep (Dir. Basma Alsharif, 2014)

Sept. 22, 2021

Atlantiques (Dir. Mati Diop, 2019)

*** CANCELLED ***

Sept. 28, 2021

Grotta Profunda: les humeurs du gouffre (2011–2017) + Explosion Ma Baby (2016) + Fat to Ashes (2021)

Dir. Pauline Curnier Jardin

Sept. 29, 2021

Variety (Dir. Bette Gordon, 1983)

+ Beirut Outtakes (Dir. Peggy Ahwesh, 2007)






Tutte le proiezioni iniziano alle ore 20.30.

Gli eventi sono gratuiti ma una donazione di 5 euro è graditissima <3

Capienza limitata: arrivate presto!

May

May 31, 2022

Nuova Orfeo and Sicilia Queer present

The Human Surge (2016) Dir. Eduardo Williams

+ The Canyon (2021) Dir. Zachary Epcar
Cinema De Seta
Palermo, Sicily

Nuova Orfeo are totally delighted to present two fabulous films in the context of the wondrous Sicila Queer, exploring youth, alienation and the sublime.

In Epcar’s The Canyon we travel through an urban residential development until it slips into Oblivion. The Boxy architecture and cordoned greenery of a luxury housing developments gives way to an architecture of dreams, which it depicts through a sequence of precise frames, stock gestures, and pre-programmed phrases, drifting into entropy.

Winner of the Golden Leopard at Locarno, Eduardo Williams' debut feature, The Human Surge, is a mesmerising, sinuous and queer exploration of millennials, technology and the disorientating, fractious nature of the present. The paths of four listless interconnected protagonists -pressed for cash and inseparably attached to their laptops and phones - entwine, across continents and landscapes, via bodies, chat rooms and ants.

The screening will be followed by an in-person conversation between Eduardo Williams, Dennis Lim, director of the New York Film Festival and Beatrice Gibson.

The screening begins at 6.30pm

October

Oct. 4, 2022

Experimental Arabic Cinema and Performance


WATCH THIS SPACE!!!!!